Il Team di Commercialisti specializzati in Finanza d’Impresa per competere come le Grandi Aziende.

La nostra Specializzazione:
Individuiamo soluzioni tecniche che permettano alle imprese di ottenere i massimi benefici finanziari.
Progettiamo operazioni di finanza strategica per agevolare la crescita delle imprese.
Disegniamo strutture di ottimizzazione economica e fiscale sfruttando le opportunità normative esistenti.

i nostri servizi

Pianificazione e Ottimizzazione Fiscale

Disegniamo strategie di pianificazione fiscale specifiche per ogni impresa, sia nei momenti ordinari che straordinari del loro ciclo di vita.

Finanza Strategica d’impresa

Progettiamo e realizziamo con l’imprenditore operazioni dal valore strategico, supportando la crescita delle imprese e facilitando l’approccio al mercato dei capitali.

Analisi e Gestione della Finanza Aziendale

Implementiamo con l’imprenditore gli strumenti di finanza aziendale indispensabili per valutare le performances e prevenire i rischi aziendali.

Legale Societario

Costruiamo un solido assetto contrattuale a supporto di qualsiasi operazione di finanza d’impresa in grado di ottimizzare le risorse aziendali a servizio della crescita.

Protezione del Patrimonio

Disegniamo con imprenditori e famiglie le più efficaci strategie e strumenti di protezione e conservazione del proprio patrimonio.

Passaggio Generazionale

Pianifichiamo con le famiglie sistemi di trasmissione intergenerazionale del patrimonio imprenditoriale e privato al fine di non perdere valore nel passaggio da una generazione all’altra.

DOING BUSINESS IN ITALY

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.

i nostri clienti

testimonianze

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo ipsum dolor sit amet
Amanda Lee
Ceo & Founder Crix
Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo ipsum dolor sit amet
Amanda Lee
Ceo & Founder Crix

i nostri numeri

0 +
Clienti serviti
0 +
Aziende analizzate
0 +
Progetti di finanza strategica realizzati
0 +
Strutture di ottimizzazione fiscale disegnate

journal

Persona giuridica amministratore di società di capitali

Persona giuridica amministratore di società di capitali 

La possibilità di nominare un’altra società come amministratore di una srl o di una SpA assume frequentemente rilievo all’interno dei gruppi societari e al contempo solleva qualche dubbio vista l’evoluzione normativa in materia e le conseguenti posizioni assunte dalla dottrina nel tempo. 

Tuttavia, alla luce della riforma del diritto societario, intervenuta ormai vent’anni fa, possiamo dire che i dubbi sull’ammissibilità della nomina ad amministratore di una persona giuridica siano stati gradualmente fugati e la tesi oggi unanime è assolutamente positiva verso una possibilità del genere.

Le modifiche al Codice civile, apportate con la riforma del 2003, hanno rimosso l’applicazione generalizzata delle norme in materia di società per azioni alle srl e hanno introdotto nuove tipologie giuridiche quali il Gruppo di Interesse Economico (GEIE) e la Società europea, creando così i presupposti per un’interpretazione del nuovo contesto normativo favorevole a scelte gestorie alternative. Questo nonostante il silenzio della norma.

Non si rintracciano infatti nel Codice civile articoli che prevedano espressamente la possibilità di nominare un ente quale amministratore di srl o SpA. 

Vediamo, quindi, quale percorso logico-interpretativo porti oggi la dottrina più autorevole ad esprimersi in senso opposto al passato.

Leggi L'articolo »

L’utilizzo del marchio nella pianificazione fiscale       

Il marchio costituisce un bene intangibile per l’impresa che lo ha in uso, ma non per questo la sua definizione economico-giuridica può avere contorni vaghi e caratteri poco definiti. Anzi, è bene che lo sfruttamento di un marchio avvenga dopo che una serie di passaggi di carattere legale ne abbiano definito in maniera univoca la titolarità e sia stato determinato chiaramente il suo valore intrinseco. 

Allo stesso modo, quando si iscrive a bilancio un marchio, o le royalties pagate per una licenza, è fondamentale che siano rispettati una serie di requisiti oggettivi e soggettivi affinché i relativi costi siano pienamente e legittimamente deducibili. 

L’uso del marchio a fini economici e fiscali deve quindi essere pianificato per tempo per evitare di incorrere in errori che limitino o impediscano del tutto il suo sfruttamento. In questa sede vorremmo concentrare l’attenzione sui requisiti necessari affinché un marchio intestato a una persona fisica possa essere sfruttato mediante concessione in licenza permettendo alla licenziataria la piena deducibilità delle royalties.

Leggi L'articolo »

L’informativa economico-finanziaria e la bancabilità delle PMI    

Diversi interventi legislativi e regolamentari di recente introduzione, tra cui il Codice della crisi e dell’insolvenza (o CCII) e le Linee Guida EBA-GL Lom (Guidelines on loan origination and monitoring) inerenti alla concessione e monitoraggio del credito, convergono verso la necessaria introduzione di un’adeguata informativa economico-finanziaria da parte delle PMI. 

Si è imposto sempre più, infatti, un approccio forward-looking al monitoraggio delle dinamiche gestionali e finanziarie dell’azienda che richiede all’imprenditore l’elaborazione di frequenti bilanci infrannuali, budget e business plan che veicolino maggiori informazioni agli stakeholder e, in particolare agli istituti di credito, garantendo maggiori capacità di previsione e anticipazione degli eventi di crisi. 

L’obiettivo è, in altre parole, quello di ridurre le asimmetrie informative tra impresa e sistema creditizio attraverso la predisposizione di un adeguato set informativo che contenga elementi tanto quantitativi che qualitativi, sia storici che prospettici. 

È noto ai più quale importanza rivesta, in un sistema banco-centrico come il nostro, il sostegno degli intermediari finanziari lungo tutto l’arco di vita dell’impresa dalla fase di start-up a quella di maturità, passando per la crescita e lo sviluppo.

Regole via via più stringenti sulla concessione e monitoraggio del credito impongono un rinnovato dialogo improntato a maggiore trasparenza, alla condivisione di proiezioni finanziarie ragionate e solide, basate su dati e assunzioni credibili, e infine a un controllo continuo e analitico dell’andamento gestionale.

Leggi L'articolo »

Scegli un team multidisciplinare al servizio della tua impresa